Fatti invece che parole:

vietiamo ora le armi nucleari!

Tramite l’iniziativa per la proibizione delle armi nucleari chiediamo al Consiglio federale di aderire al Trattato per la proibizione delle armi internazionali adempiendo così alle proprie responsabilità umanitarie. Sostienici in tale impresa!

Già 4670 persone ci sostengono!

Il Consiglio federale ha fatto sapere mercoledì di non voler aderire al Trattato internazionale per la proibizione delle armi nucleari (TPNW). Tramite questa decisione la Svizzera, Stato depositario della Convenzione di Ginevra, rifiuta ancora una volta di lanciare un segnale forte a favore della proibizione delle armi nucleari. Eppure si tratta di armi che rappresentano uno dei più grandi pericoli per l’umanità e il pianeta intero. Troppo spesso vengono utilizzate per fare pressione nell’interesse di poche persone.

Vista l’inazione da parte del Consiglio federale su questo tema, nell’autunno 2023 l’ «Alleanza per la proibizione delle armi nucleari» ha deciso di lanciare un’iniziativa popolare federale che chiede l’adesione della Svizzera al TPNW. Dopo l’odierna decisione del Consiglio federale di non aderire a questo trattato internazionale, le nostre richieste sono più urgenti che mai. L’alleanza sta lavorando a pieno ritmo per far sì che l’iniziativa possa essere lanciata nei prossimi mesi. Trovi maggiori informazioni qui.

Per far cambiare idea al Consiglio federale abbiamo bisogno del tuo aiuto: sostieni l’iniziativa per la proibizione delle armi nucleari compilando questo formulario! Facendo ciò sarai tra le prime persone a sapere quando l’iniziativa verrà lanciata così come sulle possibilità per dare concretamente una mano. Solo insieme possiamo realizzare un simile progetto, dacci una mano a far sì che la Svizzera si assumi le proprie responsabilità rispettando così la propria tradizione umanitaria e dando un contributo concreto per un mondo più pacifico.

Grazie mille per il suo sostegno e per il tuo impegno per un mondo più sicuro e pacifico !

Membri dell'Alleanza:

Logo
Logo
Logo
Logo
Logo
Logo
Logo
Logo
Logo
Logo
Logo
Logo
Logo
Logo
Logo
Logo
Logo
Logo